Booktrailer Film Festival di Brescia: “I dolori del giovane Werther” (J. W. Goethe)

È possibile leggere un romanzo vecchio di quasi due secoli e mezzo e arrabbiarsi con l’insegnante di lettere perché è difficile? Decisamente sì. E hai un bel dire che si tratta di un classico del Preromanticismo.

Eppure, quando tutto sembra perduto, ecco che in alcuni studenti si vede che è rimasta una scintilla di interesse per quella storia, per i comportamenti dei suoi protagonisti, tanto lontani da noi, dentro i quali si nasconde l’archetipo delle innumerevoli storie d’amore moderne proposte da canzoni, film e libri e che crediamo originali.

A quel punto nasce l’idea: dare vita a questa storia, anche con un impercettibile tocco di ironia, attraverso il moderno linguaggio del booktrailer, cioè un breve filmato di tipo cinematografico della durata di un paio di minuti in cui pubblicizzare (ma non svelare del tutto) la vicenda e spingere altri alla lettura.

In 4^H, quasi l’intera classe ha deciso di raccogliere la sfida, davvero impegnativa. 

Lo scopo? Partecipare al Booktrailer Film Festival di Brescia rivolto alle scuole superiori e dimostrare che è possibile divertirsi anche con la letteratura, anche quella più difficile e meno “commerciale”. 

Si è così formato il gruppo della sceneggiatura e della regia che ha scritto il copione tutti i martedì dopo le lezioni; nel frattempo la classe ha scelto gli attori e si è organizzata nominando un responsabile economico, una coordinatrice, i trovarobe, un paio di addetti alle foto e riprese per il backstage, qualcuno si è occupato di scegliere una musica classica adatta ad una scena, altri di tradurre le battute in inglese (con la supervisione dell’insegnante di lingua) per inserire i sottotitoli richiesti dal Festival. 

Alcuni studenti di altre classi hanno invece contribuito seguendo il trucco dei personaggi, componendo delle musiche originali molto belle, curando con professionalità le riprese e il montaggio; l’Accademia dello Spettacolo, infine, ci ha aiutato nei costumi.

Così, durante le vacanze di Carnevale, l’impossibile storia d’amore tra Werther e Carlotte ha preso vita su un set d’eccezione: le settecentesche sale dell’Archivio di Stato di Torino, gentilmente concesse dalla direttrice e poi i vicini Giardini Reali.

A Festival concluso presenteremo il booktrailer alla scuola. Per il momento ecco alcuni scatti “rubati” dal set.

I dolori del giovane Werther

Pubblicata il 14-06-2018