imagealt

Giornata della memoria - libri per approfondire


In biblioteca si può trovare una selezione di testi per approfondire il tema della Shoah

 

 

Le schede dei libri

 

SE QUESTO E’ UN UOMO – Primo Levi

Testimonianza sconvolgente sull'inferno dei Lager, libro della dignità e dell'abiezione dell'uomo di fronte allo sterminio di massa, "Se questo è un uomo" è un capolavoro letterario di una misura, di una compostezza già classiche. È un'analisi fondamentale della composizione e della storia del Lager, ovvero dell'umiliazione, dell'offesa, della degradazione dell'uomo, prima ancora della sua soppressione nello sterminio.

AUSCHWITZ SPIEGATO A MIA FIGLIA – Annette Viewiorka

Questo libro è frutto del dialogo che la stessa autrice ha avuto con la figlia Mathilde. La ragazza, all'epoca tredicenne, nota sul braccio di Berte, un'amica di famiglia, un numero di colore azzurrognolo e da quel momento, comincia a chiedersi il perché di quel numero e di molti altri eventi che sono accaduti durante la Shoah. La madre, di fronte a queste domande, si dimostra pronta e disponibile a dare le risposte necessarie per comprendere.

COMANDANTE AD AUSCHWITZ – Rudolf Höss

Presentato da Primo Levi, il documento che per la prima volta ha illuminato dall'interno la mentalità e  la psicologia dei nazisti e la storia e il funzionamento delle officine della morte. Rudolf Hoss, ufficiale delle SS, fu per due anni il comandante del più grande campo di sterminio nazista, quello di Auschwitz, in cui vennero uccisi più di due milioni di ebrei. Processato da un tribunale polacco alla fine della guerra, venne condannato a morte. In carcere, in attesa dell'esecuzione, scrisse questa autobiografia. Si tratta di un documento impressionante che ci consente di cogliere dal vivo l'insanabile contraddizione tra l'enormità dei delitti e le giustificazioni addotte.

IL GIARDINO DEI FINZI CONTINI – Giorgio Bassani

Straordinario romanzo d’amore ambientato nella Ferrara delle leggi razziali; fra i protagonisti Micol, uno dei personaggi femminili più sensibili della letteratura italiana. Da questo libro è stato tratto un film diretto da Vittorio De Sica che ha vinto nel 1972 l’Oscar per il miglior film straniero.

LA BANALITA’ DEL BENE – Enrico Deaglio

Il libro narra della vita del Giusto tra le nazioni Giorgio Perlasca e del suo operato a Budapest durante la seconda guerra mondiale. Il titolo è un chiaro riferimento, ribaltato, al titolo del libro di Hannah ArendtLa banalità del male, incentrato sulla figura di Adolf Eichmann, che fu attivo in Ungheria fino al 1944 e fu il principale fautore delle deportazioni di migliaia di ebrei durante la Soluzione finale della questione ebraica del regime nazista.

LA SHOAH IN ITALIA – Michele Sarfatti

Partendo dal significato del termine Shoah, Michele Sarfatti ricostruisce quel tragico periodo che vide annientare le vite di milioni di ebrei, ripercorre le tappe tragiche della persecuzione in Europa e nel nostro Paese e mostra come il fascismo divenne corresponsabile della Shoah in Italia.

UN ADOLESCENTE IN LAGER – Marcello Martini

Diario di un ragazzo di 14 anni, di una famiglia antifascista, che viene catturato e deportato a Mauthausen. Riesce a sopravvivere alla terribile marcia della morte e viene liberato solo nel maggio 1945 dall’esercito americano.

 

 

(Schede curate da Miriam Enache)

Giornata della memoria - libri per approfondire